Le ricette di Ianette: lo stufato di fagioli e cotenne

stufato di fagioli e cotenne | La Bottega Azzoni

Il sapore unico della tradizione povera

Lo stufato di fagioli e cotenne è un piatto tipico della tradizione culinaria italiana e, in particolar modo, di quella mantovana. Si tratta di una ricetta molto antica, che affonda le sue radici nella cucina popolare. Gli ingredienti principali, le cotiche del maiale e i fagioli, erano infatti ricorrenti sulle tavole dei contadini di un tempo, perché semplici da cucinare e allo stesso tempo molto nutrienti. Questo li rendeva ideali per rifocillarsi al termine di una lunga giornata nei campi. Lo stufato di fagioli e cotenne è nato come piatto di scarto, in quanto la cotica veniva elargita ai lavoratori dei mattatoi insieme alla paga e ad altri pezzi di maiale che non potevano essere utilizzati per la vendita (frattaglie, code, orecchie, zampe, ecc…).

Perfetto per essere gustato in inverno durante le giornate più fredde, lo stufato di fagioli e cotenne può diventare uno squisito piatto unico da condividere con tutta la famiglia. Ogni volta che lo preparo è come tornare indietro nel tempo, a quando mio padre eseguiva la macellazione del maiale per preparare ciccioli, salsicce e salami. Perché si sa, «del maiale non si butta via niente»

Vuoi assaggiare anche tu lo stufato di fagioli con cotenne? Allora seguimi in cucina, ti insegnerò a preparare questa ricetta sostanziosa e nutriente.

La ricetta dello stufato di fagioli e cotenne

Ingredienti:

  • 500 g fagioli borlotti freschi o surgelati
  • 300 g cotenna
  • Una carota
  • Una cipolla
  • Un gambo di sedano
  • Uno spicchio di aglio
  • Un bicchiere di vino bianco
  • Passata di pomodoro
  • Alloro, chiodi di garofano
  • Peperoncino
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Acqua

Preparazione:

La cotenna può essere acquistata già pulita, come quella che trovate a La Bottega, già preparata e pronta per voi, oppure da pulire. Nel secondo caso, prima di iniziare a cucinare, occorre raschiarla accuratamente con la parte liscia di un coltello per rimuovere le setole. In alternativa, basta passarla sulla fiamma per bruciare la peluria. 

Facciamo scaldare l’olio in un tegame e mettiamo a soffriggere il trito di verdure (carota, sedano, cipolla, aglio).

A parte, tagliamo a quadrotti o listarelle la cotenna. Sbollentiamola in abbondante acqua salata per circa 20/30 minuti e, una volta scolata, aggiungiamola al soffritto. Sfumiamo con il vino bianco, aggiungiamo i fagioli, gli aromi, la passata di pomodoro, un pizzico di sale e un po’ di acqua calda sino a coprire il tutto. Portiamo a bollore lo stufato di fagioli, poi lasciamo sobbollire a fuoco moderato per mezz’oretta. È importante fare attenzione a non cuocere eccessivamente i fagioli che devono risultare teneri ma non spappolati, come anche le cotenne. Al termine della cottura, regoliamo con peperoncino a piacere. 

Un piccolo suggerimento: lascia riposare lo stufato una decina di minuti prima di servirlo ai tuoi ospiti. 

Cucina con gusto insieme a noi!

Per cucinare lo stufato di fagioli e cotenne vieni a scoprire La Bottega. Troverai tantissimi prodotti di qualità provenienti dall’eccellenza della tradizione mantovana e perle dell’enogastronomia italiana.

Contattaci o iscriviti alla newsletter per ricevere lo sconto del 10% sul prossimo acquisto in Bottega. E non dimenticare di visitare il nostro blog, ricco di ricette e curiosità adatte a tutti i palati!

Share:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

More Posts

I segreti per una grigliata perfetta!

Di cosa parliamo quando parliamo di grigliata Innanzitutto è bene precisare che BBQ (o barbecue) e griglia non sono la stessa cosa. Le origini della griglia sono molto più antiche di quelle del BBQ, risalgono

Le ricette di Ianette: la tradizionale grigliata

Il rito social dell’estate Voglia di estate, serate calde e momenti pieni di gioia. Il ponte del 2 giugno è l’occasione ideale per ritrovarsi con gli amici o in famiglia e preparare una grigliata mista

I sapori mantovani: i ciccioli

Una delizia per i più golosi. Visitando le località mantovane, soprattutto nei periodi autunnali e invernali, cioè dopo la lavorazione del maiale, è facile incappare in qualche sagra di paese dove viene preparata una prelibatezza

Le ricette di Ianette: l’Insalata di Cappone alla Stefani

Una ricetta della tradizione perfetta per tutte le stagioni Oggi voglio parlare di una ricetta mantovana antichissima, risalente al Seicento. Si tratta dell’Insalata di Cappone alla Stefani (altrimenti chiamata Insalata alla Gonzaghesca). Deve il suo